Benefici ed avvertenze sull’esposizione solare

15 lug 2020

I benefici del sole

Il sole è fonte di energia vitale e calore. Molte civiltà antiche come greci ed egizi lo veneravano per la sua capacità di apportare tanti benefici al corpo e alla psiche. Prendere il sole può apportare numerosi benefici, l’importante, però, è prendere il sole con attenzione: proteggendo la pelle con un’adeguata protezione solare ed esporsi nelle fasce orarie meno pericolose (evitare l’esposizione dalle ore 11 alle 15).

Tutti i benefici dell’esposizione solare

Innanzitutto, con un po’ di abbronzatura si ha un aspetto più sano e le piccole imperfezioni spesso non si notano. Altro beneficio dell’esposizione solare è la capacità di combattere la Sindrome Affective Disorder (SAD) o disturbo affettivo stagionale, una forma depressiva che si aggrava nel periodo autunnale ed invernale. I raggi solari attivano alcuni neurotrasmettitori (come la serotonina) a livello cerebrale, migliorando l'umore. La luce solare stimola l'ipotalamo che regola la produzione di serotonina e cortisolo e l'epifisi che regola il ritmo circadiano attraverso la produzione di melatonina, regolando così il ritmo sonno-veglia.
Prendendo il sole è possibile rinforzare l’apparato scheletrico e migliorare la funzione muscolare. Svolge un’azione antinfiammatoria, stimola la produzione di Vitamina D, assorbendo il calcio che viene fissato nelle ossa. La luce solare, attivando la formazione della vitamina D, favorisce la fissazione del calcio nei giovani in crescita e si oppone all’osteoporosi negli adulti. L’esposizione raccomandata per godere di tali benefici è di 20 minuti al giorno per 5 giorni alla settimana.
Il sole viene sfruttato anche per trattare problematiche cutanee come: acne, eczemi, psoriasi e dermatite atopica. In alcuni casi, il sole possiede benefici di tipo antinfiammatorio aiutando a calmare il prurito e favorire la rigenerazione della pelle.
L’esposizione ai raggi UV promuove l’aumento delle difese immunitarie e può essere di aiuto in alcune malattie respiratorie, come l’asma bronchiale.
Infine, è possibile aiutare a proteggere il cuore con l’esposizione solare: il sole contribuisce alla dilatazione dei vasi sanguigni, i tessuti vengono maggiormente irrorati di sangue, la pressione si abbassa e il rilascio di ossido nitrico contribuisce a proteggere il sistema cardiovascolare.
Riassumendo si può dire che l'esposizione alla luce solare può: attivare la circolazione, indurre un'efficace ossigenazione a livello tissutale, stimolare il metabolismo ed il sistema neurovegetativo, migliorare l'efficienza fisica e mentale, migliorare la funzionalità muscolare e facilitare l'eliminazione delle tossine attraverso la traspirazione cutanea.

Esposizione solare sicura

Oltre ad evitare di esporsi dalle ore 11 alle 15, durante l'esposizione bisogna evitare: l'assunzione di farmaci fotosensibilizzanti (ad esempio: antibiotici, contraccettivi orali e medicinali per il controllo dell'ipertensione), l’uso di piante medicinali fotosensibilizzanti (iperico e imperatoria) e i farmaci specifici per la psoriasi.
Infine, si sconsiglia l’utilizzo di profumi sulla pelle: alcuni ingredienti, con l’esposizione solare, possono provocare la formazione di macchie cutanee.
Se si prendono particolari farmaci, è consigliato consultare il proprio medico prima di esporsi al sole.
Va ricordato di proteggere sempre la pelle con un’adeguata protezione solare e di non esporsi troppo a lungo.

COMMENTI

Non è stato ancora inserito alcun commento, commenta per primo!

Commenta l'articolo
Resta in contatto: (informativa sulla privacy)