Zeolite: proprietà, usi e controindicazioni

27 apr 2022

Zeolite: proprietà, benefici, controindicazioni

La zeolite è un minerale di origine vulcanica. La zeolite ha una struttura composta da piccolissimi canali in grado di legare con tossine, pesticidi e metalli pesanti; una volta che entra nell'organismo, la zeolite attivata comincia il suo lavoro nel tratto gastro-intestinale, per questo motivo la zeolite risulta utile per depurare e disintossicare l’organismo in profondità, specialmente in caso di metalli pesanti. Ma questa è solo la principale attività benefica della zeolite.
La zeolite, assunta per via orale ma anche impiegata esternamente, è in grado di offrire diversi benefici. Esistono diverse forme: polvere o compresse.
Per uso esterno, ad esempio, può essere applicata unita ad un poco d’acqua e massaggiata sulle zone  interessate, come ad esempio, in caso di acne, pruriti, dermatiti, eczemi, psoriasi e altri disturbi della pelle.

Benefici zeolite

Assorbe le sostanze dannose

La zeolite è in grado di assorbire sostanze dannose come: tossine, metalli pesanti e pesticidi. Grazie alla sua struttura cristallina a carica negativa, è in grado di assorbire i cationi: le sostanze che hanno carica positiva, tra cui, tossine e metalli pesanti. Durante questo processo, la zeolite non viene assorbita dall’intestino: l’organismo la espelle assieme a tutto ciò che è stata in grado di catturare grazie alle reazioni chimiche che produce. Per questo motivo la zeolite non è considerata tossica per l’organismo.

Azione antiossidante ed immunostimolante

La zeolite possiede proprietà antiossidanti, aiutando l’organismo a contrastare l’azione dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare.  Inoltre, supporta il sistema immunitario, grazie all’azione depurativa e alle sostanze in essa contenute, tra cui diversi sali minerali (potassio, magnesio, calcio, etc…).

Curiosità sulla zeolite

La zeolite viene impegata per l’assorbimento degli odori, sia nei cosmetici come ad esempio nei deodoranti ma anche per assorbire i cattivi odori ad esempio delle lettiere. Viene impiegata in agricoltura e giardinaggio per eliminare l’inquinamento dei terreni.
La zeolite è impiegato come additivo alimentare, già dal 1996, dove si è notato che l'aggiunta di zeolite comportava un maggiore valore nutritivo degli alimenti e minori disturbi digestivi.
La zeolite è stata utilizzata per ripulire il mare dalle radiazioni dopo il disastro di Fukushima. E anche per aiutare le persone colpite da radiazioni, come dopo il disastro di Hiroshima, Nagasaki e Chernobyl.

Controindicazioni zeolite

Non vi sono gravi controindicazioni riguardo l'assunzione di zeolite. Questo minerale viene definito atossico, perché non viene assorbito dal tratto gastro-intestinale.
In alcuni casi, ad esempio nei soggetti molto sensibili è possibile che vi siano reazioni di tipo nervoso, mal di testa o nausea, questo è dovuto dalla proprietà chelante, che libera l’organismo dalle tossine e apportando modifiche interne all'organismo.
A causa del suo potere assorbente nei confronti dei liquidi contenuti nel nostro corpo, se non si beve abbastanza acqua durante l’assunzione di zeolite, è probabile che si presentino problemi di stitichezza.
Infine, la sua proprietà chelante potrebbe ridurre l’efficacia dell’assunzione di farmaci, per la sua azione assorbente. In caso di terapie in corso, prima di assumere zeolite, è consigliato consultare il proprio medico.
Non esistendo ancora studi che confermino la sicurezza della zeolite nei bambini, nelle donne in gravidanza o in allattamento, in questi casi si sconsiglia l’uso.
È importante ricordare che solo alcuni tipi di zeolite sono adatti al consumo umano; ad esempio l’erionite può essere cancerogena. Per questo motivo è importante acquistarla in farmacia o negozi certificati.

COMMENTI
Di
il 13 maggio 2022

Commenta l'articolo
Resta in contatto: (informativa sulla privacy)

Che giorno è oggi?